Perche′ mi candido

“Sento, ancora una volta, su di me e sulla mia generazione il dovere di non rimanere indifferenti.

È tempo di batterci per i diritti, per la giustizia sociale, per l’ambiente e per la dignità sul lavoro.

Penso a una nuova Europa possibile, che sappia lavorare per la pace, la solidarietà e la giustizia.

Penso anche a un’Europa necessaria, perché nessun Paese oggi può affrontare da solo le grandi sfide del presente, come le migrazioni, il governo dei processi economici e i cambiamenti climatici.

Mi sono sempre impegnato per un centrosinistra unito, aperto e plurale. La lista del PD-Siamo Europei-PSE rappresenta un’importante occasione per ripartire insieme. Perché solo così potremo dare il nostro contributo per costruire un’Europa più giusta e più efficiente.

Io vi faccio questa proposta: scriviamo insieme una storia nuova”.